Nutrizione funzionale per la salute della pelle. Gli antiossidanti

| PCibo, PConsigli

L’invecchiamento della pelle è un processo fisiologico e naturale, che si può frenare solo fino a un certo punto.

Possiamo però accompagnarlo sia con una routine di cura personalizzata che comprenda creme, sieri, l’applicazione costante di spf, e se lo desideriamo qualche piccolo aiuto dalla medicina estetica, sia attraverso la corretta nutrizione, che deve comprendere una giusta quantità di antiossidanti.

Cosa sono gli antiossidanti?

Sono sostanze che prevengono e riducono i danni che l’ossigeno, ossidandosi, procura alle cellule. Sono importanti per la salute di tutto l’organismo, e la loro azione si riflette anche sulla pelle.

Gli antiossidanti contrastano l’azione dei radicali liberi, composti chimici che il nostro corpo produce in reazione ai processi metabolici che svolge.

I fattori che aumentano la produzione di radicali liberi sono:

  • Esposizione ai raggi UV (sole e lampade abbronzanti)
  • Fumo
  • Alcol
  • Inquinamento
  • Stress
  • Alimentazione squilibrata

Quali antiossidanti con l’alimentazione?

Il glutatione è l’antiossidante più importante a livello cellulare. È una sostanza prodotta naturalmente dal fegato (ed è anche per questo che dobbiamo proteggere e sostenere quest’organo con l’alimentazione) ma presente anche in alcuni cibi come: asparagi, avocado, cavoli, cavoletti di Bruxelles, cetrioli, mandorle, spinaci, aglio, broccoli, erba cipollina, pomodori, noci.

Attenzione. Si degrada rapidamente con la conservazione e la cottura. 

 Zinco. Lo troviamo nei molluschi, nei crostacei, nella frutta secca, nelle carni rosse, nei legumi e nei cereali integrali.

Tra le molte azioni fondamentali dello zinco segnaliamo quella anti invecchiamento: la pelle contiene quasi il 6% di tutto lo zinco i del nostro organismo, con ruoli fondamentali per la sintesi del collagene. È utile anche per contrastare l’acne, andando a ridurre i processi infiammatori 

Vitamina C

Protegge le cellule dall’ossidazione ed è coinvolta nella sintesi del collagene

Dove la troviamo: Agrumi kiwi, cavolo, ribes nero, prezzemolo fresco, fragole, peperone crudo, avocado

Attenzione: è una vitamina molto “delicata”. È solubile in acqua, sensibile a luce, calore e ossigeno. Conservate gli alimenti che la contengono al fresco, al riparo dalla luce, consumateli crudi o con cotture rapidissime. Importante un apporto quotidiano: inutili le abbuffate, la vitamina C in eccesso viene eliminata subito e non immagazzinata

Beta-carotene (provitamina A) 

È un precursore della vitamina A, che si trasforma in vitamina all’occorrenza

Si trova in frutta e verdura di colore arancione, come le carote, l’albicocca, il melone, la zucca, le patate dolci, la pesca noce, ma anche negli spinaci, nella rapa, nella scarola e nella cicoria, oltre che nelle uova e nel burro

È liposolubile: la carota stufata con olio è una ricetta che ne aumenta l’assorbimento. Attenzione solo a bilanciarla bene nel pasto, perché con la cottura si alza l’indice glicemico!

La vitamina A si trova invece in buone quantità nel fegato animale

Vitamina E

Un’altra vitamina liposolubile, antiossidante legata al consumo di grassi polinsaturi (i grassi buoni che vanno a costruire la struttura delel membrane cellulari).

Si trova in: Olio d’oliva, semi oleosi, frutta secca come noci, nocciole, mandorle, tuorlo d’uovo, pesci grassi, avocado

Licopene

Il pomodoro cotto ne è ricco: prepariamo un sugo semplice partendo da pomodori freschi di ottima qualità per condire la pasta e fare un pieno di questo antiossidante

Polifenoli

Sono una famiglia di antiossidanti di cui fanno parte i flavonoidi e i tannini.

Si trovano in grandi quantità nei frutti rossi (ribes, mirtilli, ciliegie, melagrana), nell’uva nera e rossa, nei broccoli, nel cacao, nel peperoncino crudo

I tannini si trovano nel tè, ma attenzione a non aggiungere latte! A contatto con il latte infatti i tannini del tè subiscono polimerizzaizone e precipitazione, e diventano non assimilabili per l’organismo: non vanno quindi mescolati a fonti di proteine come latte e uova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *