Osteopatia per i problemi digestivi

| PBlog

L’osteopatia è una disciplina olistica, che si occupa cioè dell’organismo nel suo complesso. Spesso squilibri a livello muscolare o osseo possono portare problemi apparentemente scollegati in altre zone del corpo, o a carico di organi interni.

È il caso di alcuni disturbi digestivi, che trovano molto giovamento dall’applicazione di manovre di osteopatia viscerale.

In cosa consiste l’osteopatia viscerale?

L’osteopatia si occupa di riportare il corpo in equilibrio favorendone l’autoregolazione e il ritrovamento naturale di salute e benessere. L’osteopatia vede il corpo come un insieme, e non si preoccupa solo della sintomatologia diretta, ma di tutte le reazioni concatenate che possono portare a disequilibri.

Oltre a trattare l’apparato muscolo-scheletrico, l’osteopatia può intervenire anche sugli organi interni con tecniche di osteopatia viscerale, che aiuta a restituire o migliorare la funzionalità degli organi in questione, risolvendo numerosi disturbi

Quali disturbi della digestione si possono trattarla cono l’osteopatia viscerale?

Tra i più comuni:

  • reflusso gastroesofageo
  • ernia iatale
  • stitichezza
  • rallentamenti digestivi.

Anche in caso di presenza di patologie già in cura con farmaci, può essere di aiuto per migliorare la sintomatologia.

Il trattamento

Manuale, non invasivo, senza uso di farmaci, il trattamento osteopatico viscerale si pone l’obiettivo di migliorare la funzionalità dell’organo agendo sulle tensioni delle strutture che lo avvolgono (muscoli e tendini), migliorando la vascolarizzazione, e sbloccando eventuali compressioni a carico delle fibre nervose che lo innervano.

Per questo l’osteopatia viscerale consiste in manovre a carico dell’addome ma anche della colonna, da cui partono i nervi che a volte, per posture scorrette o disallienamenti, possono risultare compressi e non trasmettere correttamente le informazioni all’organo corrispondente.

I risultati si vedono dopo le prime 3-4 sedute (un mese circa). Non sempre l’osteopatia è risolutiva da sola per i problemi digestivi, ma ha ottimi risultati se abbinata a un piano alimentare concordato in sinergia tra gli specialisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *