Lo sport che fa bene ai capelli

| PBlog, PConsigli

Tutti gli studi sono d’accordo nell’ indicare un’attività fisica costante e moderata come chiave per la salute generale a lungo termine.

Cosa vuol dire costante?

Vuol dire evitare picchi di intensità magari 4 o 5 volte a settimana per periodi brevi, ma piuttosto avere una frequenza e intensità inferiore spalmate su tutto l’anno, come abitudine di vita

Cosa vuol dire moderata?

In base al proprio stato fisico, è quell’attività che per quantità, durata e intensità comporti un aumento percepibile ma comunque lieve della respirazione, del battito cardiaco e della sudorazione. Questa attività incrementa il metabolismo fino a 6 volte rispetto alla situazione di riposo. 

Negli adulti, l’OMS consiglia di svolgere almeno due ore e mezza a settimana di attività di questo tipo, possibilmente distribuita su più giorni.

In pratica, 20 minuti/mezz’ora di camminata a passo svelto quotidiana, unita a due sessioni di allenamento strutturato settimanale sono in grado di migliorare la salute generale e ridurre rischi cardiovascolari, di ictus, di alcune forme di tumore, e anche di diabete e sindrome metabolica.

Quest’introduzione ci serve per dire che non occorre strafare o essere atleti, anzi: un’attività fisica ad alta intensità se non seguita correttamente può essere più uno stress che un beneficio per l’organismo (ancora una volta: i professionisti esistono per un motivo! Facciamoci seguire da un trainer per i nostri programmi di allenamento soprattutto se vogliamo alzare il livello)

Ma sapevate che a giovare dell’attività fisica sono anche pelle e capelli?

Il primo meccanismo con cui lo sport agisce su pelle e capelli e la maggior irrorazione sanguigna a livello cutaneo, che fa arrivare sangue ricco di ossigeno all’estrema periferia dei vasi sanguigni. Questo vuol dire un maggior apporto di ossigeno e nutrienti ai follicoli piliferi, che in questo modo ricevono uno stimolo per una crescita del capello più rapida e sana

La sudorazione, poi, permette di eliminare tossine, e ha un effetto benefico anche sulla cute e sul cuoio capelluto a patto di reintegrare correttamente i liquidi e detergerci correttamente dopo l’allenamento.

Attenzione anche ai sali minerali! La perdita di sali con la sudorazione va reintegrata con la corretta alimentazione (parliamo soprattutto di vegetali freschi di stagione, che apportano liquidi e sali altamente biodisponibili) in modo da non andare incontro a carenze che andranno a incidere anche sulla salute dei capelli. 

Inoltre, un’attività fisica moderata produce endorfine e serotonina e riduce i livelli di cortisolo, noto per influenzare la funzione e la regolazione ciclica del follicolo pilifero. Quando il cortisolo è presente a livelli elevati, è stato dimostrato che riduce la sintesi e accelera la degradazione di importanti elementi della pelle, in particolare l’acido ialuronico e i proteoglicani di circa il 40%. 

Non da ultimo, parliamo di regolazione ormonale, anch’essa inclusa nel complesso equilibrio del ciclo di vita di pelle e capelli. Anche qui un’attività fisica moderata è di supporto, aiutando a regolarne i livelli. 

Con l’esercizio fisico migliora la sensibilità all’insulina, che aiuta ad avere un metabolismo più efficiente e a un miglior utilizzo dell’energia introdotta con il cibo, evitando picchi di ipo e iperglicemia.

Infine, nelle donne in età fertile un allenamento aerobico moderato sembra avere effetti positivi sui livelli di progesterone, che agisce insieme agli estrogeni nel mantenimento dell’equilibrio psicofisico. 

Come curare i capelli quando si fa sport?

Lo abbiamo chiesto a Silvia Cecchinato, tecnico tricologo Sitri.

Raccogliamo i capelli con un elastico morbido in tessuto, senza tirare troppo alle radici. Perfetta una treccia morbida o una coda bassa che non crei trazione all’attaccatura. Un consiglio extra è spazzolare i capelli con una spazzola a denti morbidi e flessibili prima dello post, per evitare nodi ed eccessivo deposito di sebo e impurità sulla cute

E per quanto riguarda la pulizia?

L’ideale può essere uno shampoo lenitivo o per chi soffre già di seborrea, esistono ottimi scrub lavanti. È importante la detrazione subito dopo lo sport per eliminare l’eccesso di sebo, sudore e tossine prodotti durante l’attività, che possono causare prurito, irritazioni, desquamazione, o peggiorare casi di dermatite preesistenti.

Un ultimo accorgimento per chi va in piscina: meglio evitare le cuffie in silicone e proteggere i capelli dai danni del cloro con un prodotto apposito da applicare prima di ogni allenamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *