Bonding, quel legame prezioso tra mamma e neonato

| PConsigli

Subito dopo la nascita, nella maggior parte dei casi, il neonato viene dato al neonatologo per i controlli di routine e successivamente portato alla mamma. In realtà se il travaglio e il parto non hanno presentato particolari complicazioni e il neonato sta bene, andrebbe adagiato direttamente sul petto della madre, per favorire così fin da subito l’instaurarsi di un profondo legame emotivo.

Dopo il parto, infatti, la madre produce endorfine (sostanze prodotte dal cervello che danno benessere e aiutano ad alleviare il dolore) e ossitocina (ormone che favorisce le contrazioni dell’utero durante il travaglio ed aiuta anche a stabilire legami affettivi), mentre il neonato è particolarmente sensibile e ricettivo: entrambi quindi si trovano nella condizione perfetta per instaurare il cosiddetto bonding.

Cos’è il bonding? 

Con il termine bonding si intende quel forte legame affettivo che si stabilisce in modo totalmente istintivo tra la mamma e il suo piccolo appena nato. Questo legame inizia a svilupparsi durante la gravidanza, accarezzando il pancione e parlando al bambino, e si va a rafforzare subito dopo la nascita attraverso l’allattamento, il massaggio e le coccole.

I ricercatori, già negli anni ’80, hanno dimostrato che il contatto diretto fra i neonati e le mamme immediatamentedopo la nascita, non solo favorisce in modo determinante la costruzione di un legame stretto, ma influenza positivamente anche lo sviluppo del piccolo.
Attraverso il costante contatto cutaneo, infatti, la mamma e il bambino si riprendono più velocemente dallo stress del parto e il calore del corpo della mamma, inoltre, aiuta a stabilizzare la temperatura corporea del neonato, che gradualmente assumerà una frequenza cardiaca e respiratoria più regolare.
Non va dimenticato, infatti, che il primo mondo sperimentato direttamente dal neonato è la sua mamma ed è grazie a lei ed al contatto cutaneo fatto di carezze, massaggi e coccole che il piccolo potrà sviluppare un senso di fiducia e sicurezza che lo porterà ad intraprendere un vero e proprio viaggio alla scoperta di sé stesso e di ciò che lo circonda.

Oltre al contatto pelle a pelle e all’allattamento al seno, possiamo considerare il massaggio neonatale un ulteriore prolungamento del bonding madre-bambino, specie se effettuato con un Olio completamente privo di profumazioni capace di sostenere la protezione e il nutrimento della pelle, avvolgendo il neonato in un abbraccio di amorevole calore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *