Prepariamo la pelle al sole, proteggiamola nel modo giusto

| 7giornipcare, PConsigli

Esporre la pelle al sole nel modo corretto non significa solo scegliere il fattore più adatto di protezione dai raggi UVA e UVB. Torna con noi la dott.ssa Camilla D’Antonio, farmacista e direttrice scientifica dell’azienda Medspa srl che distribuisce i marchi Miamo e Nutraiuvens per spiegarci come scegliere il solare più adatto.

Dobbiamo conoscere la nostra pelle e proteggerla al meglio, secondo le sue esigenze, dal danno che questi raggi possono causare.

C’è ad esempio chi con il sole è più soggetto a macchie, chi ad arrossamenti localizzati, chi ad eritemi, chi ancora ha una condizione di vitiligine che si aggrava.

Bisognerà quindi scegliere un solare cosmeceutico, non solo quindi in basce al filtro solare, ma che conterrà al suo interno dei principi attivi diversi a seconda dei casi

Solari che contengono vitamina C, ad esempio, proteggono la pelle in modo globale dai danni UVA e UVB

I solari che al loro interno hanno principi attivi antinfiammatori come l’Aloe o il pantenolo dovranno essere preferiti da chi soffre di eritema – molto importante ad esempio per le donne in menopausa che vedono la loro pelle cambiare reattività ai raggi solari

Domandiamoci sempre l’obiettivo che vogliamo raggiungere dall’esposizione al sole, quali sono i nostri punti deboli, e in base a quello chiedere consiglio a un esperto di riferimento (dermatologo, ma anche farmacista).

Non trascuriamo neanche la possibilità di prepararci al sole con un protocollo specifico a base di sieri da applicare di notte che poi lavoreranno in sinergia con il solare stesso

Ad esempio, chi soffre di macchie potrà scegliere sieri a base di acido cogico e alfabutina, che servono a regolare la pigmentazione

Per chi ha tendenza a a reazioni cutanee come l’eritema, andranno scelti sieri con azione lenitiva, idratante e antiprurito.

Ricordiamo che la routine dell’esposizione al sole ci aiuterà anche nei mesi invernali: una pelle che al sole è stata protetta e rigenerata, poi sarà più semplice da gestire nei mesi freddi

 

Sentiamo tutti i consigli della dott’ssa D’Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *