Parola d’ordine: detox. Cosa aggiungere e cosa eliminare dalla dieta

| 7giornipcare, PCibo

Quando la quantità di tossine accumulate nel nostro organismo supera la capacità del corpo di eliminarle o neutralizzarle, l’accumulo di queste diventa nocivo, e può scatenare reazioni allergiche, infiammatorie, immunitarie o degenerative.

Cosa sono le tossine?

Sono i prodotti di scarto del metabolismo e gli inquinanti introdotti con l’alimentazione

Come possiamo aiutare il nostro organismo a liberarsi delle tossine in eccesso?

Attraverso l’attivazione di meccanismi di drenaggio e disintossicazione.

Un’efficace disintossicazione avviene su due livelli: da un lato si riduce il carico tossico assunto, dall’altro si stimolano gli organi che hanno la funzione di eliminare le tossine, come fegato, pelle, polmoni, intestino, e aiutando il rene

Il drenaggio può quindi avvenire per via diretta, grazie allo stimolo degli alimenti, o indiretta (eliminando o riducendo altri alimenti).

Per favorire il drenaggio e l’eliminazione delle tossine è dunque importante utilizzare alimenti capaci di facilitare il metabolismo delle sostanze estranee all’organismo, come cipolla, aglio, cicoria, tarassaco e carciofo, e in linea generale aumentare l’apporto di alimenti crudi, ricchi di acqua di vegetazione, riducendo allo stesso tempo l’apporto di proteine animali (in particolare carne rossa), glutine, verdure ricche di ossalati come spinaci, bieta e asparagi. Tra i grassi, da assumere in quantità moderate, preferiremo sempre l’olio extravergine d’oliva usato a crudo.

 

Digiunare non serve, e può peggiorare la situazione. Dobbiamo invece attivare il lavoro di fegato e reni tramite abbinamenti funzionali, ad esempio:

  • verdura cruda+verdura ripassata
  • grassi buoni come avocado e noci+verdura depurativa
  • usare verdure amare e spezie come curcuma, zenzero (depurative) peperoncino (Stimola la produzione di bile, aiutando il lavoro del fegato)

Altri consigli detox

La carne andrebbe consumata a pranzo (in modo da risultare più digeribile) associata a una verdura preferibilmente cruda per aiutare a drenare le scorie azotate.

La sera si può scegliere un carboidrato associato a verdura cruda+verdura ripassata in modo da non far alzare l’insulina nelle ore serali: questo non affatica gli organi e favorisce un detox e drenaggio notturno

Un altro stratagemma è iniziare il pasto con verdure crude, migliora la digestione, depura fegato e reni e aumenta il senso di sazietà

In erboristeria

  • Tisane per aiutare il lavoro dei reni: pirosella, gramigna e centella con liquirizia per non abbassare troppo la pressione
  • Per disintossicare il fegato: carciofo, tarassaco, cardo mariano
  • Per l’intestino: finocchio e malva

In estate: le acque funzionali

Potete preparare in casa l’acqua da bere durante il giorno con aggiunta di alcuni ingredienti che aiutano il vostro processo detox

  • Per i reni: immergere in acqua dell’ananas (soprattutto la parte centrale dura, il gambo, che contiene bromelina), aggiungere il succo spremuto di un limone o un limone a fettine, foglie di menta e basilico
  • Per il fegato: zenzero grattugiato, curcuma grattugiata, cannella

One thought on “Parola d’ordine: detox. Cosa aggiungere e cosa eliminare dalla dieta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *